I migliori casino online italiani legali e tutti i siti di gioco d'azzardo sicuri. I modi per gicoare al casinò su internet

Interventi della commissione europea sul gioco d’azzardo


gioco nella commissione europea

Severamente, ma anche con un occhio al futuro globale del mondo del gioco d’azzardo, la Commissione Europea interviene per esprimere il suo parere sulle varie regolamentazioni che vengono sottoposte ed in questi giorni ha dato l’ok al progetto di legge concernente l’esercizio dell’attività degli imprenditori nel settore delle scommesse e dei casino online per android a Salisburgo: il testo, infatti, aveva subito delle modifiche sostanziali tanto da rendersi necessaria una nuova notifica.

Le principali innovazioni intervenute in questo comparto delle scommesse rispetto allo stato giuridico in essere ai sensi della legge del 1994 sugli allibratori, si possono così concretizzare: l’inclusione nel campo di applicazione della legge degli intermediari di scommesse tramite internet, la disciplina esauriente delle prescrizioni di esercizio e degli obblighi degli imprenditori del settore scommesse, la nuova displina dei poteri delle Autorità connessi alla vigilanza sulle attività degli imprenditori in questo settore e l’accettazione di una delega delle Autorità alla trasmissione di dati in linea con la legge del 2000 sulla protezione degli stessi.

In merito, poi, ai terminali delle scommesse vengono introdotte altre regolamentazioni: consenso di impiantare o mettere in esercizio soltanto terminali che si possano mettere in funzione con una tessera (leggesi tessera cliente delle scommesse) che permettano esclusivamente la conclusione o l’intermediazione di scommesse consentite e non permettano l’utilizzo contemporaneo di più di una persona, non dispongano di caratteristiche che consentano la conclusione di una scommessa con uno strumento differente da quello del terminale, e che siano muniti di un numero di matricola e siano salvaguardati dalla perdita di dati, in caso di interruzione della corrente, o dagli influssi elettromagnetici o provocati da onde radio.

Poi, un altro intervento della Commissione Europea si concretizza con una lettera indirizzata al Governo greco nel quale si richiede lo stop all’introduzione nei casino online legali delle Videolottery posto che esiste la mancanza di adeguate tutele per i giocatori. Questo è un intervento “forte” della Commissione e che “impone” la mancata introduzione di fatto delle Videolottery sul mercato greco. Secondo indiscrezioni la Commissione avrebbe provveduto ad inviare una missiva al Governo greco nella quale si chiede di bloccare il lancio di questi apparecchi di gioco da parte della società monopolista Opap.

Nella lettera inviata al Governo greco nello scorso mese di dicembre, viene spiegato come questo stop alle Vlt venga suggerito dalla Direzione Generale del Mercato Interno in quanto il progetto approvato dalla Commissione Giochi in Grecia “non conterrebbe né prevederebbe misure di protezione adeguate per i giocatori”. In realtà, sembrerebbe che questo progetto avviato alcuni anni fa, che prevede l’introduzione di 35.000 terminali sul territorio nazionale, aveva subito alcuni spostamenti a causa del forte dissesto politico e finanziario di quel Paese. Questo era coinciso tra l’altro appunto con la data di lancio della nuova tecnologia ed il tutto, quindi, aveva subito un rinvio assolutamente inevitabile. Ma sembrerebbe che, ad oggi, esisterebbe già in Grecia una rete di videolottery, oltretutto già operativa, che raccoglierebbe giocate in modo assolutamente illecito e questo con un giro di affari di circa un miliardo di euro e mancati incassi, per l’Erario, stimabili in circa 400 milioni di euro. L’intervento, di conseguenza, della Commissione Europea è, senza ombra di dubbio, assolutamente consono a questa situazione, ma principalmente non per quanto riguarda gli ingressi per l’Erario greco, quanto per la mancanza in queste apparecchiature da intrattenimento della tutela necessaria per i giocatori che sembra alquanto “aleatoria”.

Bologna: Una sala di gioco d’azzardo illegale